giovedì 30 ottobre 2008

La giornata delle erre cassate

Ieri mi sono concessa un lusso: lavorare, o meglio impostare un lavoro, ascoltando la radio. È stata una bella giornata, rilassante. Ho lavorato più del solito, perché la compagnia della musica mi ha aiutata a concentrarmi.
Tuttavia...
...quando, la sera, sono andata a revisionare ciò che avevo fatto mi sono accorta con sconcerto di aver saltato un buon ottanta per cento delle erre presenti nelle parole. Solo le erre. È assurdo, lo so, e forse questo post non ha senso. Però mi ha colpito e non faccio che pensarci. Perché è successo? Perché solo quella lettera?
Agli psicolinguisti l'ardua sentenza.

Iei mi sono concessa un lusso: lavoae, o meglio impostae un lavoo, ascoltando la adio. È stata una bella gionata, ilassante. Ho lavoato più del solito, peché la compagnia della musica mi ha aiutata a concentami.
Tuttavia...
...quando, la sea, sono andata a evisionae ciò che avevo fatto mi sono accota con sconceto di ave saltato un buon ottanta pe cento delle ee pesenti nelle paole. Solo le ee. È assudo, lo so, e fose questo post non ha senso. Peò mi ha colpito e non faccio che pensaci. Peché è successo? Peché solo quella lettea?
Agli psicolinguisti l'adua sentenza.

Nessun commento: