venerdì 9 ottobre 2009

Si stava come d'autunno sugli alberi le foglie


Come un lettore ha il diritto di abbandonare un libro che non ama, mi arrogo il diritto di fare pulizia fra i ricordi e cancello delle foto. È il bello del digitale, no? Gli album con le stampe posso ignorarli e permettere che prendano polvere sullo scaffale più alto della libreria, per i file c'è una soluzione più drastica.
Mi fa male vedere certi solchi che attraversavano i visi in certi anni, mi disturbano i tagli di capelli che non riconosco più, mi intristisce pensare al pantano di sofferenza attraverso il quale ci siamo fatti strada.
Per ora quei file sono nel cestino.
Fra un attimo lo svuoterò.

Nessun commento: