domenica 24 marzo 2013

Per dovere di cronaca

Una foto scattata in fretta, con imbarazzo, in un luogo simbolico che sono andata a visitare ieri. L'intenzione era quella di scrivere, di fotografare e di raccontare molto di più, ma ho perso le parole. O meglio, ce le ho, ma restano dentro. Sono nella strana posizione di aver vissuto certe esperienze in una scomoda via di mezzo tra il fuori e il dentro, una cosa troppo pesante da caricare sulle spalle di alcuni e troppo leggera per le mani di altri. A ognuno la propria rielaborazione.

Nessun commento: